Manchester City – Napoli 2 a 1. Giudizi e voti di Pasquale Lucchese.

1421

Reina: Incolpevole sui gol, in collaborazione con Koulibaly evita il tris inglese. Nella ripresa interventi non difficili ma tempestivi che tengono in vita il match fino all’ultimo. Voto 6.5

Albiol: Doppio errore sul loro raddoppio, poi pur commettendo diversi sbagli in appoggio, riesce a cavarsela. Voto 5.5

Koulibaly: Non sempre preciso, limita comunque i danni. Voto 6-

Hysaj: Soffre Sane’ per poi prenderne le misure. Voto 5.5

Ghoulam: Esce alla distanza, si inventa una galoppata simil Ferrara conquistandosi il rigore che dimezza lo svantaggio. Voto 6.5

Hamsik: Troppe imprecisioni nei fraseggi. Voto 5+

Zielinsky: Ectoplasma. Voto 5

Diawara: Combatte, ci mette il fisico, freddo dal dischetto. Voto 6.5

Insigne: Qualche giocata e poco più, uscita precauzionale per l’esterno napoletano. Voto 6

Callejon: Sacrificio, ma manca il guizzo. Voto 5.5

Mertens: Sbaglia il rigore ed un paio di possibili contropiedi interessanti. Serataccia. Voto 5

Subentrati

Allan: Ancora una volta cambia volto alla mediana azzurra. Voto 7

Maggio: Prende il posto dell’acciaccato Hysaj, falli, falli e ancora falli. Voto 5

Ounas: Qualche spunto, il ragazzo sembra esserci. Voto 6+

Sarri: Prima mezz’ora tutta City, poi il Napoli prende coraggio e alza il baricentro, riuscendo a fare la sua partita, senza prevenire al pari.

Per come era iniziata, il timore di una imbarcata si palesava con inaudito terrore, ma il Napoli è forte, organizzato, e, parole dello stesso Guardiola, non può essere dominato per 90 minuti.

Discorso qualificazione complicato, si dovrà fare un girone di ritorno perfetto (7 punti e dovrai aspettare i risultati dagli altri campi, 9 punti e sei dentro), ma stasera era più importante uscire convinti della propria forza e delle proprie qualità.
Non compromettere insomma l’autostima e quelle certezze maturate negli ultimi mesi, a partire dalla scorsa stagione.

Arbitro: Il primo rigore si può fischiare ma non sarebbe stato scandaloso sorvolare sul placcaggio del difensore su Albiol; il secondo è netto. Voto 6-

Manchester City: Tanti giovani talenti, un campione assoluto come Silva in campo, altri in panca… Candidato alla vittoria della Premier, in Champions potrebbe essere la mina vagante, resta un passo indietro al Real Madrid.

Pasquale Lucchese

Nato 34 anni fa a Napoli, da sempre residente a Casoria. Laureato in Storia alla Federico II, militante politico, impegnato nel mondo dell’associazionismo e del volontariato. Oltre alla storia, e alla politica, l’altra passione è il calcio, in particolare il Napoli. Il colore preferito è, ovviamente, l’Azzurro!