Napoli-Milan 2 a 1. Giudizi e voti di Pasquale Lucchese

1415

Reina: Un intervento non difficile su una insidiosa conclusione di Bonaventura, bravo e tempestivo nelle uscite. Resta qualche dubbio sulla rete rossonera, Romagnoli indovina l’angolo ma il tiro non appare irresistibile. Voto 6-

Albiol: Alcune chiusure di testa risultano determinanti, grande senso tattico. Voto 7

Koulibaly: Un gigante, qualità fisiche impressionanti, quando non cala di concentrazione è un muro invalicabile. Voto 7.5

Hysaj: Tanta corsa, pur non avendo nelle corde la spinta, si adopera con buoni risultati nel proporsi. Ultimi 30 minuti sulla sinistra, attento e risoluto. Voto 7

Rui: Non è facile sostituire Ghoulam, lui dimostra personalità e intelligenza, sta entrando nei meccanismi dell’asse sinistro che rappresenta il maggiore punto di forza degli azzurri. Voto 7

Allan: Meno lucido di quanto ci aveva abituato in questo primo scorcio stagionale, dinamismo e tanta quantità. Voto 6+

Jorginho: Detta i tempi del suo Napoli, sbaglia poco o nulla. Voto 6.5

Hamsik: Sempre nel vivo del gioco, sia in impostazione che in fase passiva, manca solo nel tassello finale. Voto 6.5

Callejon: Il suo contributo tattico resta decisivo, appare però ancora in leggero affanno. Voto 6+

Mertens: Spreca un’occasione ad inizio ripresa dopo un duetto fantacalcistico con Insigne, combatte ed è suo l’assist che Zielinsky capitalizza. Voto 6.5

Insigne: Giocate di classe pura, sua la segnatura che squarcia la resistenza meneghina. Quindici minuti, in un ruolo non suo, nello spareggio con la Svezia: un mistero. Voto 8

Subentrati:

Maggio: Svolge al meglio il suo compito. Voto 6

Zielinsky: Entra e realizza il raddoppio! Voto 7

Rog: Meriterebbe più minutaggio. Voto 6

Sarri: Nel primo tempo il Napoli è un crescendo, parte piano per poi accelerare e dominare appieno la gara. Imprecisione e Donnarumma non consentono ai partenopei di chiudere la frazione con il doppio vantaggio.

Nella ripresa sciupata l’ennesima occasione, il Napoli subisce la reazione del Milan. Nel momento di massima pressione ospite, Mertens inventa, Zielinsky conclude e chiude la partita. Qualche patema nel recupero per il ‘jolly’ pescato da Romagnoli, ma il risultato sorride meritatamente a Partenope.

Gli azzurri hanno interpretato al meglio le fasi della sfida, imprimendo una decisa svolta nella seconda parte del primo tempo, lasciando campo agli avversari per uno spezzone di ripresa, per poi punirli con il raddoppio.

Arbitro: Annulla la rete di Insigne, il VAR evita un errore ed un’ingiustizia. Controlla senza particolari difficoltà l’intero Voto 6-

Var: La sua introduzione è un toccasana per un sistema che necessita di un generale rinnovamento.

Milan: Per definire la grande regina del mercato estivo, ci viene in soccorso Riccardo Cocciante: “Povero Diavolo”…. I tempi d’oro per la Milano rossonera made in China sono ancora lontani.

Pasquale Lucchese

Nato 34 anni fa a Napoli, da sempre residente a Casoria. Laureato in Storia alla Federico II, militante politico, impegnato nel mondo dell’associazionismo e del volontariato. Oltre alla storia, e alla politica, l’altra passione è il calcio, in particolare il Napoli. Il colore preferito è, ovviamente, l’Azzurro!