Torino-Napoli 0 a 5. Giudizi e voti di Pasquale Lucchese

1389

Reina: Un solo intervento, non difficile, ad inizio ripresa. Attento nelle uscite e bravo come sempre con i piedi. Voto 6.5

Koulibaly – Albiol: Annullano Belotti, concedono ai granata una sola occasione, scaturita peraltro da una presunta azione irregolare dell’attaccante ex Palermo. Voto 7 – 7

Hysaj – Ghoulam: Una delle migliori partite stagionali per l’esterno albanese, impeccabile in difesa, non disdegna la fase offensiva. Un paio di leggerezze difensive per l’algerino, puntuale come sempre nelle proporsi in avanti, come nell’azione del poker partenopeo. Voto 7+ – 7

Jorginho: Uno dei più in forma in un Napoli stellare, ottimo filtro in mediana quando c’è da recuperare il possesso di palla, ottimo ‘geometra’ quando c’è da costruire. Se Sarri è il direttore d’orchestra, in quest’ultima parte dell’annata azzurra, l’italo-brasiliano ex Hellas e’ il metronomo di una squadra armoniosa e perfettamente sincronizzata. Voto 7.5

Hamsik: Non nel suo momento migliore, eppure resta un elemento imprescindibile per le sue straordinarie qualità. Un calciatore troppo sottovalutato da una piazza che non sa apprezzare appieno il valore del suo capitano. Giocatore di una continuità straordinaria, che ha una sola vera e troppo strumentalmente e malignamente ingigantita pecca di natura caratteriale: non ha del tutto sviluppate in se’ quelle peculiarità da leader assoluto che farebbero dello slovacco un top player assoluto. Voto 7

Allan: Suo l’assist che apre la manita, recupera il pallone del raddoppio, in qualche circostanza perde il tempo della giocata. Voto 7

Mertens: Pur se non in giornata di grazia, si e ci regala un gol ed un assist…. Voto 7.5

Insigne: Meno bello e risolutivo del solito, ma quando c’è da raddoppiare e chiudere la gara non si lascia pregare… Voto 7

Callejon: Una doppietta ed un assist… Altro giocatore che se indossasse un’altra maglia, verrebbe venerato e desiderato dalla nostra piazza, troppo attratta dai player altrui e poco propensa a comprendere gli indiscutibili valori presenti nella rosa del nostro Napoli. Non è solo una questione di gusti personali e soggettivi, quanto anche di dati oggettivi, di continuità di rendimento e di numeri dimostrata negli anni… Voto 8

Subentrati:

Zielinsky: Anche il polacco ci mette la firma nel pokerissimo piemontese. Se quanto fatto vedere, a sprazzi o quasi, in questa prima stagione da ‘big’ verrà confermato negli anni prossimi, saremo di fronte ad un calciatore forte ed affidabile…Voto 7

Rog – Milik: Per ragioni diverse vanno ancora visti e valutati, ma sia il croato, sia soprattutto l’ex Ajax hanno lasciato intravedere qualità da calciatori importanti…Voto 6 – 6

Sarri: Il Napoli ammirato a Torino e’ di una bellezza disarmante. Nel primo tempo un gol, due occasioni dilapidate, un rigore non concesso ed un off-side inesistente fischiato a Mertens.

Nella ripresa dopo un breve inizio di controllo, gli azzurri dilagano e concretizzano l’enorme mole di gioco prodotta, mettendo a frutto una differenza tecnico – tattica imbarazzante, accresciuta ulteriormente dalle diverse motivazioni delle due compagini.

Bisogna chiudere al meglio la stagione, evitare che possano ripresentarsi i rimpianti per qualche punto maledettamente sperperato, e vedere quale sarà il piazzamento finale in classifica.

Insomma non lasciare nulla di intentato, la piazza d’onore non dipende solo da noi, eppur senza nulla togliere ai nostri avversari, sappiamo di meritarla! Riconfermarci secondi sarebbe il giusto premio per una formazione che esprime un calcio delizioso, e che salvo qualche passaggio a vuoto, ha avuto, soprattutto negli ultimi mesi, un rendimento in quanto a gioco e vittorie costante e strepitoso.

Ci si difenda e si eviti di cadere nel tranello mediatico locale e non, della diatriba tra AdL e Sarri: il presidente parli meno, il mister misuri maggiormente le parole, a costo di perdere in (presunta) sincerità e schiettezza…

Noi tifosi riconosciamo che questo Napoli tanto gustoso e divertente, seppur non vincente, e’ frutto sia di una rosa di valore e mai tanto profonda, potenzialmente ancora in grado di crescere (ed ovviamente migliorabile), e di un allenatore che l’ha saputa plasmare, donandole una qualità di gioco raramente vista sui campi di calcio (ovviamente anche il mister può e deve crescere su alcuni aspetti…).

Un mix, un’alchimia perfetta tra due componenti che ha dato vita al nostro Napoli, che nulla vincerà, ma che può e deve prepararsi a farlo: mister, squadra, società e …. noi….

Arbitro: Rigore non concesso al Napoli per fallo di mano di Molinaro: c’è distanza tra il terzino granata e Callejon che crossa, il braccio dell’ex Juventus e’ staccato dal corpo. Due off/side chiamati nel primo tempo sono segnalazioni sbagliate. Lascia correre e giocare, buona la distribuzione dei cartellini. Voto 5

Torino: Con la rosa a disposizione, tanti giovani interessanti, su tutti il bomber Belotti, e qualche elemento di esperienza, si poteva pensare ad un campionato migliore. Guida in pratica la graduatoria delle squadre nel famoso limbo della A…

A proposito di massima serie, il sussulto di orgoglio del Crotone tiene clamorosamente ed inaspettatamente accesa la corsa per la salvezza… Empoli e Genoa non dormono sogni tranquilli….

Pasquale Lucchese

Nato 34 anni fa a Napoli, da sempre residente a Casoria. Laureato in Storia alla Federico II, militante politico, impegnato nel mondo dell’associazionismo e del volontariato. Oltre alla storia, e alla politica, l’altra passione è il calcio, in particolare il Napoli. Il colore preferito è, ovviamente, l’Azzurro!