Tributo a Pino Daniele al Teatro Bolivar per i 20 anni dei Quanno Good Good

502

Saranno i Quanno Good Good, storica tribute-band di Pino Daniele attiva sin dagli anni Novanta, ad esibirsi VENERDÌ 24 NOVEMBRE 2017 [ORE 21.00] sul palco del Teatro Bolivar di Napoli per il secondo appuntamento con la programmazione musicale del teatro napoletano. 1997 / 2017: la band capitanata dal cantante Olimpio Marino celebrerà i suoi primi venti anni di attività con un concerto-evento che vedrà protagonisti – accanto al vocalist e fondatore Marino – Marco Fiorenzano alle tastiere e al pianoforte, Franco Di Giovanni alle chitarre, Peppe Mangiaracina al basso e Paolo Fabbrocino alla batteria.

Sul palco la band sarà affiancata dal sassofonista Enzo Anastasio, che ha recentemente dato alle stampe il suo “Che Soddisfazione”, album interamente dedicato a Pino Daniele. ‘O munn è ‘mmano a vuje, facitelo bbuono: «Mi piace pensare che questo verso sia un vero e proprio lascito di Pino, che affida alle nuove generazioni le sue speranze».

Così esordisce il frontman della tribute-band dedicata al ‘nero a metà’, artista-simbolo del neapolitan power e non solo. Lo spettacolo dei Quanno Good Good vedrà al suo centro i brani di Pino, dagli anni Settanta agli anni Novanta, con alcune incursioni nelle più recenti produzioni : «L’obiettivo del nostro spettacolo è quello di dare spazio non solo alle canzoni più celebri, ma anche a quelle meno conosciute come Occhi Grigi, Baccalà, Che ore so, Carte e cartuscelle, Have you seen my shoes, Saglie saglie, Acqua ‘e rose, Maggio se ne va… solo per citarne alcuni ».

Un’occasione per dissetarsi ancora con la musica del ‘nero a metà’ e con i ricordi raccolti nel volume [edito da iocisto]« Ho sete ancora », che per l’occasione sarà venduto in teatro ad un prezzo promozionale.

Il Domenicale News

Il “Domenicale News” fondato e diretto da Pasquale D’Anna nel 2011, nasce dall’idea e dai bisogni di un gruppo di persone che attraverso il giornale e l’Associazione culturale Kasauri, editrice dello stesso, concretizzano la voglia e l’aspirazione di un desiderio di informazione libera, indipendente e generalista. Resta immutata la volontà di rivolgerci ad un pubblico che dalle idee è incuriosito perchè “Il Domenicale” è soprattutto frutto di una idea.