Napoli- Milan: le pagelle di Pasquale Lucchese

Condividi su
Share

(Photo: Newfotosud)
Reina: Sulla rete di Niang poteva e doveva essere più reattivo. Con i piedi solita garanzia, qualche uscita spericolata ma efficace. Voto 5+
Koulibaly – Albiol: Quattro reti in due giornate, come lo scorso anno, piccolo campanello di allarme. Ovviamente le responsabilità non sono solo della coppia centrale, che nel complesso non fa danni eccessivi. Voto 6 /6
Ghoulam – Hysaj: Soffrono in fase difensiva, l’albanese perde Niang, l’africano e’ graziato da Abate. Voto 5+ /5+
Allan: Non ancora brillante. Voto 5.5
Hamsik: Gioca molti palloni, ma ne sbaglia troppi. Voto 5.5
Jorginho: Buon primo tempo, cala nella ripresa. Voto 6
Callejon: Due gol ‘facili’ e solito prezioso lavoro tattico. Voto 7
Mertens: Gli manca solo la gioia personale, primo e terzo gol sono per metà suoi. In grande spolvero. Voto 7+
Milik: Esordio al San Paolo con due reti, la prima aiutato da un pizzico di fortuna, la seconda da attaccante puro. Fa molto movimento, cerca di dialogare con i compagni di reparto, non riuscendoci sempre, un po’ macchinoso in velocità. Voto 7+
Subentrati:
Zielinski: Ottimo impatto sul match, giocatore molto interessante. Voto 6.5
Insigne: Brutto spezzone di gara, non commetta l’errore di deprimersi perché in questo momento, il belga Mertens merita la maglia da titolare. Combatta e dimostri il suo valore, senza isterismi. Voto S.V.
Chiriches: S.V.
Sarri: Primi 15 minuti difficili, poi Mertens-Milik cambiano l’inerzia del match e solo un prodigioso Donnarumma evita un passivo maggiore nella prima frazione, che si chiude con la doppietta del polacco.
Nella ripresa, il Napoli resta per 10 minuti nello spogliatoio, consentendo ai meneghini di trovare il pareggio, che però ha il potere di scuotere i partenopei, che anche trascinati da un San Paolo non pieno ma carico e cattivo quanto basta, riprendono a giocare e a schiacciare i lombardi nella loro metacampo. Callejon e’ il più lesto su una ribattuta del solito Donnarumma, sul solito Mertens, il nervosismo del Milan fa il resto, con i rossoneri che restano in nove.
Nei minuti finali, un non bellissimo Napoli, trova anche la rete del poker che chiude la contesa.
Vittoria sostanzialmente meritata e particolarmente importante, per un Napoli non brillantissimo in molti suoi uomini e con un gioco non sempre fluido e armonioso come l’avevamo visto lo scorso anno.
La sosta e la chiusura del mercato, che speriamo possa riservare qualche ulteriore colpo, potranno aiutare il mister a chiarire diversi ‘casi’ e a rasserenare gli animi di uno spogliatoio, che appare ancora in uno stato confusionale e con diversi elementi ancora lontani dal possedere la giusta lucidità, per affrontare al meglio la stagione.
Arbitro: Nel primo tempo dimentica i cartellini, un atteggiamento che in qualche modo rischia di incattivire il match, cosa che puntualmente accade nella ripresa, con i rossoneri che chiudono in nove. Sul primo gol ambrosiano, c’è un fallo su Jorginho. Voto 5 
Milan: Montella potrebbe riuscire a dare un’identità ad una compagine che può annoverare tanti giocatori di qualità. L’obiettivo Europa, quella ‘minore’, non dovrebbe sfuggire.
Pasquale Lucchese

Nato 34 anni fa a Napoli, da sempre residente a Casoria. Laureato in Storia alla Federico II, militante politico, impegnato nel mondo dell'associazionismo e del volontariato. Oltre alla storia, e alla politica, l'altra passione è il calcio, in particolare il Napoli. Il colore preferito è, ovviamente, l'Azzurro!