Situazione polizia municipale e sicurezza del territorio: l’Assessore Luisa Marro scrive al Sindaco

Condividi su
Share

Sulla questione sicurezza e sulle problematiche relative al comando al corpo di P.M. di Casoria, l’Assessore al ramo Luisa Marro ha protocollato questa mattina una lettera, indirizzata al Primo Cittadino Enzo Carfora, in cui chiede interventi e provvedimenti in tempi brevi.Vi riportiamo integralmente il testo della lettera:

 

Egregio Sig. Sindaco,

La nota di cui all’oggetto sta a rappresentare una problematica che Lei già conosce  da tempo,riguardante le condizioni di disagio e di inefficienza in cui giace la struttura Comando e il corpo della Polizia Municipale della nostra Città.

In qualità di Assessore al ramo da Lei delegato,esprimo l’urgenza di precisarle, a seguito del T.U. 267/2008 art. 54, che indica in primis il Sindaco responsabile dell’incolumità pubblica e sicurezza urbana, per cui il perdurare di tale situazione consegue un messaggio ai cittadini di Casoria di abbandono e di inefficacia dell’organico della P.M. nell’azione di contrasto alle più svariate forme di illegalità.

Mi è dovuto porre alla Sua attenzione alcune storture organizzative del Settore Sicurezza e Mobilità, che hanno generato malcontento e delusione tra gli Operatori di Vigilanza.

ARMI DIFETTOSE

In seguito al ritiro delle armi difettose si è inteso applicare l’art. 4  del Regolamento di disciplina sull’armamento del Corpo di PM, approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 6 del  27/02/2015, che individua espressamente i servizi degli appartenenti alla P.M. in qualità di Agente  prevedendo tra gli altri i servizi di vigilanza al patrimonio comunale, le pattuglie appiedate e automunite diurne e notturne, i servizi svolti su ordine dell’autorità giudiziaria, i servizi svolti in occasione di consultazioni elettorali o referendarie, i servizi di pronto intervento, i servizi di collaborazione o supporto ad altre forze di polizia. In seguito a quanto sopra, il Dirigente ha ritenuto opportuno che, l’unico modo per salvaguardare l’incolumità dei vigili non armati, fosse quello di non farli uscire dalla caserma. Pertanto, da una settimana, alcuni  vigili sono  impiegati come “aiuto piantone” o aiuto in qualche altro ufficio, mentre i restanti “non armati” sono forzatamente in caserma. Si precisa che tutti i servizi esterni, da circa 8 giorni sono svolti esclusivamente da personale in possesso d’arma d’ordinanza.  Quindi, , alcuni uffici della caserma non sono operativi da una settimana in quanto gli addetti sono comandati a svolgere servizi di viabilità. Ovviamente tutto ciò sta causando in caserma un caos totale tra il personale. Forse si poteva   meglio interpretare l’art. 4 del Regolamento sull’armamento alla PM, intendendo  riferirlo agli agenti ai quali è stata già assegnata l’arma in via continuativa (che assolutamente non possono prestare servizio senza indossarla) e non a quelli non armati perché non ancora assegnatari di pistola o perché gli è stata ritirata in quanto difettosa; forse si poteva chiedere l’intervento del Sindaco e/o della Giunta Comunale, sospendendo temporaneamente il regolamento in questione, in attesa di una eventuale modifica. FORSE, ma il tutto presuppone un forte raccordo tra Assessore al ramo, Dirigente e Sindaco per pensare insieme a delle soluzioni, ma tale raccordo e confronto non c’è stato.

STRAORDINARIO ELETTORALE

Agli operatori di PM è stata assegnata la quota procapite di n. 20 ore di straordinario elettorale, che risulta essere considerevolmente più bassa rispetto agli altri settori. E’ statamessa in essere una petizione di rinuncia alla prestazione per lo straordinario; per la  suddetta petizione  sembra che l’adesione sia del 95%.

Attribuzione art. 17 lett. F (particolari responsabilità dei procedimenti)

E’ questa un’altra delicata problematica che comporta malumore all’interno della PM  per il sistema non meritocratico con il quale vengono attribuiti i benefici economici indicat dall’art. 17, lett. F del Contratto Nazionale dei Lavoratori. Infatti, ancora una volta le predette attribuzioni sono state assegnate senza la formulazione di opportuni criteri individuati. Ho suggerito dei criteri da adottare in giunta ma al momento ogni mio suggerimento resta inascoltato.

Indennità di Vigilanza per le GPG e corso di formazione

Ritengo necessario attivarsi al più presto affinché alle GPG venga finalmente elargita, con la dovuta retroattività, l’indennità di vigilanza in misura ridotta (per quella intera occorre il Decreto di PS come i vigili). Inoltre, come previsto dal Regolamento delle GPG, le stesse devono essere formate con un corso specifico di 48 ore.

 Sicurezza sui luoghi di lavoro

Ritengo grave e preoccupante la nota ricevuta inerente la problematica area e locali comunali siti in via Macello, ex macello del 15/5/2015.

 Piano Comunale Protezione Civile

E’ trascorso più di un anno da quando un gruppo di professionisti è stato incaricato di produrre il Piano Comunale; ad oggi , dopo varie sollecitazioni della sottoscritta, non risulta ancora approntato tale piano.

Strisce blu e navette interne alla città di Casoria

Trovo  sconcertante e grave che dopo mesi di lavoro per reperire fondi e  per approntare  progetti, si sia giunti  al mese di maggio per accorgersi che le procedure di affidamento delle gare avevano vizi di forma. Significa che si è lavorato con superficialità  e senza dare seguito seriamente  a quello che era un programma dell’assessore e quindi della politica, e tutto a discapito della cittadinanza che attende con ansia la risoluzione delle problematiche inerenti trasporti e parcheggi in quanto indicatori di un vivere civile. Forse significa che non c’è la volontà del resto dell’amministrazione di realizzare né le strisce blu né le navette interne; ma se questa fosse la realtà sarebbe necessario un urgente chiarimento.

Queste sopra indicate sono solo alcune delle più scottanti problematiche inerenti il settore dellaPM; la sottoscritta assessore Luisa Marro auspica innanzitutto un confronto rapido che è sempre costruttivo e poi una rapida risoluzione dei problemi.

Casoria, 19 maggio 2015                                                                                                                 L’assessore  alla P.M. e alla sicurezza

                                                                                                                                                                Prof.ssa Luisa Marro

Il Domenicale News

Il "Domenicale News" fondato e diretto da Pasquale D'Anna nel 2011, nasce dall'idea e dai bisogni di un gruppo di persone che attraverso il giornale e l'Associazione culturale Kasauri, editrice dello stesso, concretizzano la voglia e l'aspirazione di un desiderio di informazione libera, indipendente e generalista. Resta immutata la volontà di rivolgerci ad un pubblico che dalle idee è incuriosito perchè "Il Domenicale" è soprattutto frutto di una idea.