“Legalità: ambiente, salute, memoria”: il convegno all’Istituto Moscati- Maglione.

Condividi su
Share

In occasione della giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, lunedi 27 Marzo alle ore 10.00 presso la l’Auditorum del Plesso di Via Pelella dell’Istituto Moscati- Maglione si terrà una importante conferenza dal titolo: “Legalità: ambiente, salute, memoria”.

17410007_438770663131636_618161168_nAll’evento parteciperanno i ragazzi delle scuola e le loro famiglie. Intervanno alla manifestazione diversi autorevoli relatori: Padre Alex Zanotelli, comboniano, fondatore di diversi movimenti italiani tesi a creare condizioni di pace e di giustizia solidale; il Dott. Antonio Marfella che da anni è impegnato nella lotta alle problematiche legate alla Terra dei fuochi e la Dott.ssa Simona Teresa Lamberti, sorella di Simonetta, uccisa dalla camorra il 29 maggio 1982 nel corso di un attentato il cui obiettivo era il padr, il giudice Alfonso Lamberti.

“Abbiamo fortemente voluto questo evento perché si tratta di una importante occasione di riflessione su temi che toccano tutti noi e ci vedono coinvolti ogni giorno”, ha spiegato la Preside dell’Istituto, Dott.ssa Antonella Barreca, “Crediamo molto nell’importanza della testimonianza e nella partecipazione della comunità a questo tipo di manifestazioni. Sono fermamente convinta che  ovunque ed in qualsiasi contesto noi siamo, il nostro compito è dare il nostro contributo al meglio cercando di essere al servizio di quanti sono intorno a noi. Quando i ragazzi sono protagonisti di queste iniziative sicuramente ne usciamo tutti più ricchi”.

Gilda Longhi

Classe ’85, una laurea specialistica in Economia e gestione delle imprese nel cassetto e un tesserino da giornalista pubblicista nel portafogli. Permalosa e testarda, non perde occasione per “fare polemica” ed è definita dai suoi amici come una “presenza che si fa sentire, una che pensa una cosa e ne fa cento”. Cattolica, appassionata di musica e libri, adora stare in mezzo alla gente. Si è avvicinata al giornalismo nel 2008 quasi per caso e da allora non lo ha più lasciato: scriverebbe sempre (se solo glielo lasciassero fare!). Ha una insana passione per la politica e per il territorio in cui vive.