Scontro sui vaccini tra Regno Unito e Ue. La Commissione invoca limitazioni alle esportazioni

Condividi su

di Alessandro D’Orazio

Tira aria di bufera tra Londra e Bruxelles, a causa della paventata ipotesi da parte della Commissione Europea di attivare un sistema che obblighi i produttori di vaccini all’interno della Ue a ottenere autorizzazioni preventive per esportare nei paesi extracomunitari. Il problema è sorto a seguito dell’annuncio della scorsa settimana di AstraZeneca in merito ad un taglio drastico nelle forniture di vaccini destinati all’Europa. 

In particolare è emerso che la società AstraZeneca avrebbe fornito alla Ue solo 31 milioni di dosi rispetto alle 80 milioni promesse. La reazione delle autorità europee è stata per questo veemente, in quanto il taglio mette a rischio il raggiungimento dell’obiettivo di vaccinare il 70 per cento della popolazione europea entro l’estate.

A Londra si teme di conseguenza che possano essere bloccati gli arrivi di fiale Pfizer prodotte in Belgio. Le forniture globali dei vaccini anti Covid sono attualmente “limitate” dalla capacità produttiva delle case farmaceutiche. A tal proposito Nadhim Zahawi, ministro designato da Boris Johnson per il coordinamento della campagna vaccinale britannica, ha inteso ribadire che il Regno Unito conta sulla fornitura entro metà febbraio di tutte le 15 milioni di dosi necessarie a raggiungere l’obiettivo del governo Tory, e cioè di arrivare ad assicurare entro quella scadenza almeno la prima somministrazione a tutte le persone inserite nelle 4 categorie prioritarie del Paese (gli ultrasettantenni, i pazienti più vulnerabili e il personale sanitario e di assistenza in prima linea). 

Ieri l’isola ha superato i 6,57 milioni di dosi somministrate e i 470.000 richiami, dopo essere stata la prima a dare il via libera al vaccino Pfizer/BioNTech a inizio dicembre, a quello AstraZeneca/Oxford a fine mese e ad aver autorizzato il prototipo Moderna. In totale il governo di Boris Johnson ha preordinato fin dai mesi scorsi 360 milioni di dosi, tra cui 40 milioni da Pfizer, 100 milioni da AstraZeneca e 4 milioni da Moderna.

Sul versante opposto la commissaria europea alla Sanità, Stella Kyriakides, è stata chiara: “In futuro – ha dichiarato – tutte le aziende che producono vaccini anti-Covid nella Ue dovranno presentare una notifica preliminare ogni volta che intendono esportarli in Paesi terzi”. Il guanto di sfida alla Gran Bretagna è stato lanciato.

Alessandro D'Orazio

Classe 1992. Una laurea in Giurisprudenza ed una in Operatore giuridico d’impresa. Nel mezzo l’azione: paracadutista, sommozzatore e pilota d’aerei. Classicista convinto, quanto Cattolico. Appassionato di viaggi, lettura e scrittura. Un’esistenza volta alla costante ricerca delle tre idee che reggono il mondo: il Bene, la Giustizia e la Bellezza. Senza mai perdere di vista la base di ogni cosa: l’Umanità. Se fosse nato sostantivo, sarebbe stato il greco aretè e cioè, la disposizione d’animo di una persona nell’assolvere bene il proprio compito. La frase che lo descrive: “Darsi una forma, creare in se stessi un ordine e una dirittura”. Il tutto allietato da un bel dipinto di Giovanni da Fiesole.