Ex Snaidero, a breve l’apertura delle buste per la riqualificazione

Condividi su
Share

Il 7 ottobre prossimo ci sarà l’apertura delle buste per la gara di riqualificazione della Ex Snaidero. Finalmente dopo molti anni si potrà dare inizio a dei lavori che da tempo erano stati oggetto di polemiche e legittime richieste da parte dei residenti della zona. L’iter burocratico è ampiamente avviato e fra qualche giorno si potrà dare il via a tutto l’iter amministrativo che porterà alla luce il nuovo complesso polifunzionale. “Finalmente dopo vari anni in cui ci si è passati la palla tra vari enti abbiamo trovato il coraggio di prendere di petto la situazione recuperando fondi che rischiavano di andare persi e incardinando tutto verso una riqualificazione dell’area“, dichiara il Sindaco Enzo Carfora.


Leggo altresì notizie riportati da alcuni quotidiani secondo cui i soldi sarebbero persi o non si sarebbe fatto nulla. Basterebbe informarsi e documentarsi prima di scrivere cose false. Abbiamo grande rispetto per la libertà di stampa, a patto che non si trasformi in libertà di dire bugie“.Dello stesso avviso l’Assessore al Patrimonio Mariano Marino e leader del Movimento Noi di Arpino: “manca davvero poco ormai e speriamo di vedere quell’area, abbandonata da troppi anni, rinascere. Siamo convinti che alle chiacchiere fatte in passato possano seguire fatti concreti.Al momento il recupero dei soldi, l’indizione della gara e l’apertura delle buste lasciano poco spazio alle illazioni nei confronti dell’amministrazione, che da mesi sta lavorando alacramente su tale questione“.

Gilda Longhi

Classe ’85, una laurea specialistica in Economia e gestione delle imprese nel cassetto e un tesserino da giornalista pubblicista nel portafogli. Permalosa e testarda, non perde occasione per “fare polemica” ed è definita dai suoi amici come una “presenza che si fa sentire, una che pensa una cosa e ne fa cento”. Cattolica, appassionata di musica e libri, adora stare in mezzo alla gente. Si è avvicinata al giornalismo nel 2008 quasi per caso e da allora non lo ha più lasciato: scriverebbe sempre (se solo glielo lasciassero fare!). Ha una insana passione per la politica e per il territorio in cui vive.