Il futuro ad alta velocità

Condividi su
Share

Il 10 dicembre alle ore 17.30 si terrà presso l’Uci Cinema di Casoria il convegno “Il Futuro ad alta velocità” che avrà come oggetto il potenziamento dell’accessibilità della stazione di Afragola dell’Alta Velocità alla rete metropolitana di Napoli, alle stazioni di Piazza Cavour, Colli Aminei, Capodichino: un’infrastruttura significativa per le generazioni future, coerente con gli impegni che sono stati assunti con gli accordi di Kyoto e Parigi e i 17 target di sostenibilità approvati dall’ONU nel 2015.

L’area di intervento è costituita dai Comuni di Napoli, Casoria, Casavatore e Afragola che, insieme ai Comuni limitrofi, usufruiranno del servizio ferroviario; la realizzazione del collegamento infatti consentirà alle 450.000 persone che ogni giorno si spostano per raggiungere la città per motivi di studio e lavoro, di rinunciare all’auto con un considerevole conseguente risparmio di carburante e una sensibile riduzione delle emissioni di anidride carbonica(-90%).

De Luca e Casillo

Continua il percorso tracciato qualche anno fa con l’impegno concreto e costante del sottoscritto e del presidente De Luca, che con la sua presenza in città, dimostra ancora una volta di passare dalle parole ai fatti, sottolinea il Vicepresidente Casillo che ha promosso l’iniziativa.

Sarà l’occasione per iniziare concretamente ad immaginare la nuova Metro che collegherà Napoli alla nuova stazione di Afragola, passando per territori importanti della provincia di Napoli come Casoria, Casavatore, Arzano e siamo certi sarà fra le opere più importanti realizzate negli ultimi decenni in quest’area conclude i vicepresidente. All’iniziativa interverrà anche il direttore generale Fesr Sergio Negro

Il Domenicale News

Il "Domenicale News" fondato e diretto da Pasquale D'Anna nel 2011, nasce dall'idea e dai bisogni di un gruppo di persone che attraverso il giornale e l'Associazione culturale Kasauri, editrice dello stesso, concretizzano la voglia e l'aspirazione di un desiderio di informazione libera, indipendente e generalista. Resta immutata la volontà di rivolgerci ad un pubblico che dalle idee è incuriosito perchè "Il Domenicale" è soprattutto frutto di una idea.