Napoli – Chievo Verona 3-1: le pagelle di Pasquale Lucchese

Condividi su
Share

Reina: La conclusione di Rigoni non è irresistibile. Sempre impeccabile con i piedi. Voto 6-

Chiriches: Ingenuità madornale a cui rimedia con il gol del raddoppio. Non una prestazione brillantissima. Voto 6+

Koulibaly: Invalicabile. Se evita cali di tensioni è un autentico muro. Voto 7

Ghoulam: Forse la sua miglior partita in maglia azzurra. In fase offensiva è indemoniato, una freccia costante, Bizzarri gli nega la gioia della rete, attento e risoluto in quella passiva. Voto 8

Hysaj: Nella ripresa spinge di più, fa bene ambedue i momenti.  Voto 6.5

David Lopez: Sarri preferisce lo spagnolo ad Allan, prestazione ‘legnosa’, se solo i piedi fossero maggiormente educati…. Voto 6+

Jorginho: Non sempre preciso nei primi minuti, poi sale in cattedra, suo l’assist del 2-1. Voto 7-

Hamsik: Superlativo, celestiale, classe ed eleganza al servizio della squadra. Quando lo slovacco è in giornata, i palati fini possono ammirar il Calcio. Voto 8

Insigne: Sciupa la rete del 3-1, in certi frangenti appare fumoso, intelligente nel lavoro tattico. Voto 6+

Callejon: Trova la rete al terzo tentativo, solita prova di quantità e qualità.  Voto 7-

Higuain: Un gol, una traversa e tante occasioni fallite per un soffio. Trascinatore. Voto 7-

Subentrati:

Allan: Non brillantissimo nelle ultime uscite, parte dalla panchina. Si segnala per il solito dinamismo e per l’assist che mette in cassaforte il risultato. Voto 6+

Mertens: Impatto sufficiente sul match. Voto 6+

Chalobah: Pochi minuti per il giovane inglese. Voto S.V.

Sarri: Sceglie Chiriches per lo squalificato Albiol e preferisce Lopez ad Allan. Un solo giro di lancette e il Napoli regala il vantaggio ai clivensi, la reazione partenopea è fulminea e vincente. Il numero di occasioni prodotte nel primo tempo è impressionante, peccato averne sfruttate ‘solo’ due e peccato per alcune amnesie che hanno permesso agli scaligeri, ad onor del vero mai rinuciatari, prima di portarsi avanti e poi di imbastire qualche azione di rimessa.

Nella ripresa il Napoli ha provato a fare ciò che non è nelle sue corde, ovvero controllare il match e nei primi 15 minuti ha lasciato campo ai gialloblù, prima dello ‘strappo’ decisivo che ha chiuso la contesa.

Due punti nelle ultime tre partite, oggi occorreva vincere e lo si è fatto con una prestazione di grosso spessore nonostante alcune evitabili sbavature.

Il Calcio, sport che vive sull’armoniosa somma di individualità e coralità, è ‘sceso’ sul San Paolo in diverse circostanze, in particolare in occasione della terza rete partenopea. Il Napoli ha vinto macinando gioco, azioni, calcio e Calcio.

Arbitro: Dirige bene. Voto 6

Chievo Verona: Una delle bestie nere storiche del Napoli, questa volta può poco. Ha il merito di provare a giocarsela senza fare solo catenaccio. Campionato più che soddisfacente per gli uomini di Maran.

Inviato da Samsung Mobile
Pasquale Lucchese

Nato 34 anni fa a Napoli, da sempre residente a Casoria. Laureato in Storia alla Federico II, militante politico, impegnato nel mondo dell'associazionismo e del volontariato. Oltre alla storia, e alla politica, l'altra passione è il calcio, in particolare il Napoli. Il colore preferito è, ovviamente, l'Azzurro!