Napoli vs Udinese – Le pagelle di Pasquale Lucchese

Condividi su
Share

Reina: Intervento facile nel primo tempo, parata importante nella ripresa. Con i piedi ha abilità da regista. Voto 7
Koulibaly: Partita difficile, lui non sbaglia quasi niente. Voto 7
Albiol: Qualche piccola sbavatura non macchia una prestazione di assoluto valore. Voto 7-
Ghoulam: Meno propositivo rispetto al solito, in fase difensiva non sempre preciso. Voto 6+
Hjsay: Soffre gli esterni friulani, egoista quando cerca la rete personale, con Hamsik e Mertens in posizione favorevole. Voto 6
Allan: Non sempre lucido e preciso, ma il suo dinamismo e’ fondamentale per questa squadra. Voto 6.5
Jorginho: Gioca un’infinità di palloni, sua l’imbeccata che Higuain trasforma in tre punti. Voto 7
Hamsik: Il solito contributo di qualità e quantità, va vicino al gol. Voto 7-
Insigne: Vivace, diverse giocate interessanti, ma mai incisivo. Voto 6.5
Callejon: Corsa, caparbietà, quantità, manca la finalizzazione. Voto 6+
Higuain: È l’uomo in più di una squadra che gioca un ottimo calcio, un paio di occasioni sciupate, ma si inventa un gol di straordinaria fattura. Voto 7.5
Subentrati:
Mertens – El Kaddouri: Non entrano bene nel match. Voto 6-
Gabbiadini: S.V.
Sarri: Primi 20 minuti a sprazzi, poi il Napoli domina come sa fare, ma spreca occasioni e potenziali azioni gol. Nella ripresa gli azzurri ripartono all’arrembaggio con convinzione, eppur nonostante la mostruosa mole di gioco, serve un’invenzione di Higuain per sbloccare un match, che sembrava ripercorrere la trama vista nell’ultima trasferta in terra ligure. Andato in vantaggio, il Napoli non riesce a chiudere il match, sprecando per eccesso di leziosità (il pallonetto di Higuain su assist di Insigne) e per egoismo (Hjsay) il raddoppio. Negli ultimi 20 minuti si soffre, pur rischiando poco; i cambi non sortiscono gli effetti sperati, sia Mertens che El Kaddouri, non incidono sull’andamento della partita, e il Napoli sembra tornare ‘umano’. L’aspetto importante e’ che l’ ‘umanità’ non condiziona gli azzurri, che riescono a contenere la veemenza bianconera, concedendo agli ospiti una sola vera palla-gol su corner, bravo nella circostanza Reina.
Vittoria meritata, più difficile di quanto si potesse pensare, l’incubo di Marassi fortunatamente scongiurato, ma questa squadra necessità dei gol di Callejon e di Hamsik.
Il lavoro del mister e’ finora da elogiare, l’unica pecca del tutto personale che gli riconosco, e’ il ‘non vedere’ Gabbiadini come alternativa a Callejon; peraltro in partite così bloccate, contro squadre aggressive e tenaci, avere in campo un cecchino come l’ex Doriano, pur facendo perdere qualcosa in fase di non possesso, potrebbe tornare utile in fase realizzativa. Ottimo il lavoro mentale fatto sull’intera squadra, ma soprattutto sul top player del campionato italiano.
Arbitro: Fiscale, troppo. Se l’Udinese giocasse in casa, parlerei di arbitraggio casalingo, comunque non fa danni. Voto 5.5
Udinese: Un mix di calciatori giovani provenienti da tutte le latitudini; non fa la barricata classica, ma con pressing a tutto campo e un ottimo Karnezis mette paura al Napoli. Per fortuna nostra, Kone’, il simpatico amico-giustiziere albanese, non è della partita.
Servizi igienici della Curva B (Presumibilmente anche degli altri settori): Indecorosi (cit.). Voto 0
Sosta per le nazionali: Riposo per i calciatori, almeno quelli non convocati… e per i tifosi. Benvenuta!
Pasquale Lucchese

Nato 34 anni fa a Napoli, da sempre residente a Casoria. Laureato in Storia alla Federico II, militante politico, impegnato nel mondo dell'associazionismo e del volontariato. Oltre alla storia, e alla politica, l'altra passione è il calcio, in particolare il Napoli. Il colore preferito è, ovviamente, l'Azzurro!