Acqua Ferragni, o è acqua ferrata o è acqua zuffrégna…

Condividi su
Share

di Marco Morrone

 

“ Acquaiuo’, l’acqua è fresca?”

“Manco ‘a neve! Ma costa 8 euro!”

I detti antichi, si sa, sono fonte di saggezza, raramente si sbagliano, ma talvolta vanno aggiornati.

“Mariu’ , possibile mai, ma tu ‘e ‘ntiso buono?”

“ ‘A fonte è certa, chella ‘o vero va truvann’ 8 euro”

Correva l’anno 1881, il grandissimo artista napoletano, Vincenzo Gemito, ‘o scultore pazzo, realizzava una delle sue opere più famose e riprodotte, L’Acquaiolo.

Una prima versione in bronzo di quest’opera fu donata, a ricordo della città, all’ultimo Re di Napoli, Francesco II di Borbone, Franceschiello, all’epoca esule a Parigi.

Ma si, l’avrete visto in cento case napoletane, quello scugnizzo mezzo nudo, in piedi sopra a una fontana, che sfoggia un sorriso contagioso e vi allunga una mano. Vi vuole vendere l’acqua della mùmmarella, l’ha appena presa dalla mùmmara  più grande che tiene sotto all’altro braccio.

Eh già, perché a Napoli c’erano le fonti e le fontanelle, ‘e mùmmare  e ‘e mùmmarelle, gli acquaioli e le acquaiole.

Mariuccia sta tornando da Santa Lucia, ieri è scesa ‘o Beverello e dimane vulesse ‘ì ‘o Chiatamone.

No, lei è una bella popolana, non se la compra l’acqua, si serve direttamente alle fontane.

Da quello spuntone di tufo giallo, il Monte Echia, sopra Pizzofalcone, se alzate la testa, da Santa Lucia lo vedete, nasce un’acqua bicarbonato, alcalina, ferrosa, vulcanica, ricca di minerali…

“Ue’ – dice Mariuccia – ve state regnenn’ ‘a vocca cu ‘e parole, o è acqua ferrata o è acqua zùffregna!

Sì ce spremmite nu limone e cu nu pizzico ‘e bicarbonato, ne jesce na gazosa fresca fresca!

         Acquaiola                          Francesco Gioli, 1891.

 

Le proprietà di quest’acqua?

Vi basti sapere che Mariuccia se la beve tutti i giorni, perciò a ‘sta bella luciana la chiamanoMariuccia ‘e fierro.

Dopo centinaia di anni, nel 1973, le fontane vennero chiuse, fino al giorno in cui, nel 2000, di fronte al Maschio Angioino, i marciapiedi di via Riccardo Filangieri di Candida Gonzaga si allagarono di acqua zùffregna.

Possibile mai?

Dovete sapere che al Re Ferdinando II di Borbone, il papà di Franceschiello, una decina di anni dopo aver fatto costruire la prima ferrovia d’Italia, la Napoli–Portici,  era venuta voglia di chiedere all’ingegnere Cangiano di fare un bel pozzo artesiano nei giardini del Palazzo Reale, così, per accontentare chi l’acqua zùffregna se la voleva bere gratis.

Mariuccia non credeva ai suoi occhi, il Comune aveva messo quattro fontanelle, ma durò solo pochi anni e subito le chiusero un’altra volta, tant’è che oggi quell’acqua defluisce a mare.

 “Mariu’, calmati, nun fa’ sciocchezze”

“Otto euro ‘a mùmmara? Io l’aggia fa’ ‘o strascino!”

“Calmate, ca nun ne vale ‘a pena”

“Io voglio l’acqua mia!”

“Mariu’ , l’acqua toja se ne va a mare, è ‘na poesia, ‘o ssaje pure tu che ‘a Marechiaro passa l’acqua pe’ sotto e murmuléa”

“C’aggia schiatta’ tutte ‘e butteglie!”

“Che so’ st’uocchie lucente, nun chiagnere, Mariu’, miettacell’ pure tu a firma ‘ncopp a sta mùmmarella”

““Io nun saccio scrivere, che dici, va buono ‘o stesso si cu nu vase ‘nce lass’ a forma d’a vocca mia?”

“Mariu’ , l’acqua ‘e sta mùmmarella accussì nun ave prezzo!”

 

Il Domenicale News

Il "Domenicale News" fondato e diretto da Pasquale D'Anna nel 2011, nasce dall'idea e dai bisogni di un gruppo di persone che attraverso il giornale e l'Associazione culturale Kasauri, editrice dello stesso, concretizzano la voglia e l'aspirazione di un desiderio di informazione libera, indipendente e generalista. Resta immutata la volontà di rivolgerci ad un pubblico che dalle idee è incuriosito perchè "Il Domenicale" è soprattutto frutto di una idea.