Il voto non fa la persona …

Condividi su
Share

L’estemporanietá  dell’esistenza ci impone di rivedere luoghi, costumi e pensieri; eppure per molti è difficile superare certe convinzioni, lasciarsi alle spalle alcune conoscenze ed affacciarsi a nuovi pensieri e nuove idee. Si pensi all’idea di voto, quello scolastico : quanti genitori ingabbiati nell’idea di numero, di quantità,  di valore attribuito al proprio figlio; quanti delusi da un otto in matematica perché pretenziosi di un dieci; quanti genitori, invece, li vedi librare la coda colorata e pavoneggiarsi dei voti eccellenti dei propri figli. Un figlio non vale il voto che riporta a casa; un voto non racconta molto di un ragazzo. Cinque numeri, da sei a dieci, devono poter raccontare un anno di impegni e disimpegni, di volontà e svogliatezza, di riflessioni e inflessioni, di rinunce e determinazioni, di paure e coraggio, ma non sono in grado di farlo. Un numero schematizza, ingabbia, chiude un giudizio, stringe una valutazione in un recinto che è poi il vincolo del giudizio di insieme della classe. I voti fanno star male chi li mette e chi li riceve. Il voto divide, corrompe, separa, incrina,classifica.

Il voto disgrega il gruppo.  Il voto cancella le storie, il cammino, lo sforzo e l’impegno del fare insieme. Alcune volte  punisce,  altre volte premia. Il voto esalta, ma al tempo stesso può umiliare, perché  purtroppo, dimentica da dove si viene.

 La votazione è sbagliata quando inciampa nel variabile umano: il voto deve essere utilizzato a ragion veduta, ma molte volte non risulta fattibile, perché sono troppe le variabili, troppe le riflessioni da fare e tanti i fattori da considerare.

Ciò che non bisogna dimenticare è che il voto non è la persona, e che quella persona, tuo figlio, dietro un sei o un dieci, racconta di sé molte cose, tanto altro: troppe volte, pero, viene ignorato quanto ci sia di umano, emotivo e psicologico dietro una “pagella”.

 

Angela Cascella

Interessata alla Letteratura e con una forte passione per la scrittura, Angela si è laureata dapprima in Lettere Moderne e poi in Giornalismo. Non appena ha iniziato a lavorare, a 21 anni, è stata organizzatrice di eventi; poi ha lavorato nei Beni Culturali presso i maggiori musei campani; da 16 anni è Docente di ruolo. Ha sempre inseguito il suo sogno di scrivere. Si è cimentata in racconti, poesie, scritti diaristici, scritti personali; ha collaborato alla stesura di tesi e testi letterari. Ha pubblicato svariate poesie con la casa editrice Pagine. E' stata curatrice letteraria di due libri:” lI lato oscuro dell’Amore”(Storie di Stalking) e “Usi e costumi della Costiera Amalfitana” . Ama il sole ed il mare. Ama il teatro ed il cinema. Ama cantare. Ama viaggiare, anche con la mente. Soprattutto...Ama Amare.