“InsiemeMaiSoli” l’iniziativa per aiutare chi è meno fortunato e non riesce più a mettere “il piatto a tavola”

Condividi su
Share

di Maura Messina

Stiamo vivendo tutti l’emergenza dovuta al covid-19, ma ci sono fasce della popolazione che stanno soffrendo ancor di più le conseguenze economiche legate alle restrizioni in atto. Dalla bacheca facebook di Ivo Poggiani, Presidente della 3° Municipalità di Napoli, riportiamo l’appello:

 

DONARE, UN PICCOLO GESTO PER CHI È MENO FORTUNATO.

In questi giorni in cui osserviamo le strade della nostra città deserte e ci raccomandiamo perché ognuno riduca al minimo gli spostamenti, ciò che preoccupa maggiormente sono le fragilità e le marginalità sociali.

Come Presidenza della Terza Municipalità, in collaborazione con il Consorzio Core, stiamo provando ad organizzare una risposata solidale ovviamente senza mettere a rischio nessuno e rispettando le prescrizioni.

Per sostenere le tante persone che in questi giorni hanno difficoltà anche a mettere un piatto a tavola abbiamo costruito una rete di commercianti del territorio che possano preparare dei veri e propri pacchi che verranno consegnati alle famiglie in difficoltà tramite un buono.

Per finanziare questa rete di solidarietà abbiamo predisposto un Iban su cui è possibile effettuare donazioni che contribuiranno a moltiplicare i pacchi.

 

La quarantena pesa per tutti. Ma c’è chi è più in difficoltà e il rischio di chiuderci ognuno a casa propria è quello di aumentare esponenzialmente la solitudine e lo stato di abbandono di chi è in difficoltà.

Per questo come Municipalità stiamo facendo il possibile per non lasciare solo nessuno.

Causale: InsiemeMaiSoli

 

Intestatario iban: consorzio core

 

Iban: IT 02F 0501 8034 0000 0011 0625 93

Maura Messina

Maura Messina, art-designer napoletana, classe 1985. Da sempre sensibile alle tematiche ambientali, in particolare al dramma della terra dei fuochi. Dal 2014 collabora con varie testate giornalistiche. Autrice del libro illustrato autobiografico “Diario di una kemionauta” e del romanzo distopico “4891 la speranza del viaggio”, editi da Homo Scrivens. Ha partecipato a numerose mostre d’arte come pittrice. Il suo motto è: per cambiare il mondo basta napoletanizzarlo.