Prima gli uccidono il cane e poi lo picchiano selvaggiamente. Una vergogna senza fine…

di Pasquale D’Anna

E’ accaduto a Trentola nel casertano. Una baby gang si è accanita contro un ragazzo disabile che passeggiava con il suo cane. Senza nessun motivo, hanno investito il cane, uccidendolo. Il ragazzo disabile nemmeno per un istante avrà pensato ad un’ azione premeditata, gratuita, ed è tornato a casa con il cuore gonfio di dolore. Ma non finisce qui: racconta tutto ai familiari e si sfoga soprattutto con il fratello maggiore. Lo stesso racconta tutto ai genitori delle belve, credendo di porre fine alla tragica questione. Si sbagliava di grosso. Il giorno dopo il ragazzo disabile viene insultato e pestato selvaggiamente dal branco.

Una triste vicenda, i ragazzi sarebbero tutti minorenni.

Mi chiedo come è possibile che accadono simili bestialità Come padre e come uomo sono allibito. Ma sanno questi ragazzi ( mi viene difficile chiamarli cosi ) cosa può essere la vita per un ragazzo disabile?

La loro “diversità” significa fatica, paura, difficoltà. Molto alta è l’asticella che quotidianamente devono saltare questi giovani. Grande è il valore dei propri genitori, immensa la loro devozione, senza confini il loro amore.

Continuo a riflettere e penso: molto meglio essere genitori di un giovane che ha problemi di salute, piuttosto che ritrovarsi in casa dei mostri privi di qualsiasi sentimento…si, è sicuramente meglio cosi.

Essere disabili e non volere rimanere per tutta la vita sotto una campana di vetro: è la sfida di questi ragazzi. Vivere una vita normale, passeggiare con un cane ed avere gli stessi desideri dei ragazzi della loro età e il loro sacrosanto obiettivo. Teniamolo sempre a mente, ed adoperiamoci tutti per non sentire o leggere mai più simili atrocità.

Noi genitori di oggi esistiamo ancora come tali? Siamo troppo incerti, dubbiosi, esitanti? Non siamo più in gradi di esercitare il ruolo che ci compete, quello di essere credibili e autorevoli? O forse non sappiamo più distinguere tra “autorevole” e “autoritario” e dunque, nel nome della nostra giovinezza “antiautoritaria”, abbiamo perso ogni autorevolezza?

E tutti questi punti interrogativi che costellano la pagina che state leggendo non riflettono forse la paralisi e il tormento di un genitore che non sa decidere, e non sa più imporsi? E questi ragazzi? Vivono nel compiacimento di comportamenti aberranti , e nell’ assenza della più minima coscienza civile.

Ragazzi che si confrontano quotidianamente con modelli errati, che non trovano, e nemmeno cercano, ambienti capaci di dare loro un educazione collettiva, che non trovi più nel decadimento morale il loro modello unico di riferimento.

Ripenso con sgomento al dolore dei genitori del ragazzo che hanno visto il proprio figlio tornare a casa senza il cane.

Con uguale sgomento, penso ai genitori di quei ragazzi che si sono macchiati di una simile atrocità. Forse queste belve di serie b spadroneggiano nelle città anche per colpa nostra?  E se spadroneggiano è davvero perché, come si dice, non sappiamo più trasmettere valori, non sappiamo più comunicare il senso del giusto e delle cose da fare, non sappiamo più proporre modelli di comportamento convincenti?

Riusciamo ancora a suggerire la forza di un confine etico e culturale che divide ciò che è lecito da ciò che non lo è, la barriera che separa ciò per cui vale la pena vivere e le negatività distruttive di un desiderio informe che non riesce più a scegliere, a capire che alcune cose si possono fare e altre no, punto e basta?

La sanzione non è forse la prova che crediamo alle cose che diciamo? Che non si tratta solo di trasmettere, parlare, spiegare, comunicare, ma anche di punire la violazione commessa da chi, macchiandosi di una piccola o grande e odiosa infrazione ( come quella di Trentola) sa che quel comportamento verrà prontamente sanzionato?

Il problema non è forse che non incutiamo più paura, padri inetti che non siamo altro?  Che è facile dire “questo non si fa”, ma è difficile aggiungere “ se lo fai sono guai” e poi far seguire alle minacce dissuasive le adeguate pratiche sanzionatorie? E tutto questo lamento non è il solito, patetico, verboso, iperdubbioso sfogo di un padre spodestato, dopo aver tentato, anni e anni fa, di spodestare il suo?

 

Pasquale D'Anna

Nasce nella terra di San Ludovico, divide il suo tempo tra l' Ateneo Federiciano e il Domenicale. Laurea in Scienze dell'Amministrazione e dell'Organizzazione alla Federico II. Da ragazzo voleva fare il critico cinematografico ma ha rinunciato perchè " il cinema è una cosa troppo seria per confonderla con i giornali". Ha diverse passioni, tra queste: parlare con la figlia Ludovica e "passare più tempo possibile davanti al mare" . Specchio d'acqua di riferimento: il porto di Palinuro. E' ardente ammiratore di Paolo Sorrentino, Joe Barbieri e Paolo Conte...Odia le persone che lo toccano quando parlano e non smetterebbe mai di leggere il Commissario Ricciardi. Il suo attuale "pensatore" di riferimento è Marek Hamsik.