Sassuolo vs Napoli – Giudizi e voti di Pasquale Lucchese

Condividi su
Share

Ospina: Incolpevole sulla rete. Voto 5.5

Koulibaly: Distratto, anche lui in balia dell’attacco di casa. Voto 5.5

Chiriches: Sovente in difficoltà, giovedì sarà titolare con Luperto. Voto 5+

Malcuit: Una diagonale difensiva nel primo tempo, poi tanti errori in ambedue le fasi. Voto 5.5

Ghoulam: Condizione ancora approssimativa. Voto 5

Allan: La non sufficienza del brasiliano è l’indice di una serata orribile. Voto 5.5

Diawara: O è stato sopravvalutato al suo arrivo o la sua involuzione è inspiegabile. Voto 5

Verdi: La più grande delusione della stagione azzurra. Voto 4.5

Ounas: Inizia pensando di giocare da solo vs tutti, poi rinsavisce e torna solo fumoso. Voto 5+

Mertens: Ex attaccante, ex calciatore. O torna quello che conosciamo o diventa deleterio. Voto 4.5

Insigne: Salva parzialmente la prestazione personale con il gol del pari. Voto 5.5

Subentrati:

Luperto: Voto 5.5

Younes: Voto 5.5

Milik: Voto 5.5

Ancelotti: La formazione titolare, la gestione Chiriches-Luperto e l’ingresso in campo di Younes sono un evidente segnale che il pensiero sia già rivolto a giovedì.
Scelta pur condivisibile ma è inaccettabile la prestazione senza mordente, senza anima, senza agonismo, senza ritmo, semplicemente indegna di questo pomeriggio emiliano.

La rabbia nasce dalla incredulità di fronte all’inconsistenza mentale delle seconde linee, ma anche dei vari Insigne e Mertens, che dovrebbero semplicemente essere affamati di campo, di calcio, ed invece puntualmente deludono.
Non c’è giustificazione che tenga, me ne frego che la vetta sia irraggiungibile, che il secondo posto resti tutto sommato in cassaforte, Partenope che vuole essere ed è protagonista in Italia e in Europa non può offrire spettacoli simili.
Si volti pagina, si concluda senza danni e con la giusta concentrazione la pratica austriaca e si torni in campionato con la corretta determinazione.

Arbitro: Qualche scelta non appare corretta, ma non fa danni. Voto 5.5

Sassuolo: Terzo pareggio esterno di fila vs una delle più simpatiche succursali del potere settentrionale, magari l’anno prossimo sfateremo il tabù…

Pasquale Lucchese

Nato 34 anni fa a Napoli, da sempre residente a Casoria. Laureato in Storia alla Federico II, militante politico, impegnato nel mondo dell'associazionismo e del volontariato. Oltre alla storia, e alla politica, l'altra passione è il calcio, in particolare il Napoli. Il colore preferito è, ovviamente, l'Azzurro!