Il caso del bambino di Albignasego lasciato digiuno a scuola.

1852

Albignasego, provincia di Padova. Un bambino disabile viene lasciato digiuno nell’ora di pranzo poiché l’assistente per motivi personali si assenta. Questo è quanto accaduto nella scuola media Manara Valgimigli di Albignasego qualche giorno fa.

I genitori del piccolo hanno denunciato l’accaduto raccontando che “ l’operatrice sanitaria che si occupa di lui, inviata dall’Usl, si era assentata per motivi personali, ma la sua sostituta è andata via alle 13.30, lasciando il pranzo impacchettato sul tavolo davanti a mio figlio. Ma lui non è in grado di alimentarsi da solova imboccato con del cibo che arriva già tutto frullato. Potevano occuparsene allora le insegnanti, ma, non fidandosi, hanno preferito chiamarci” […] (fonte tgcom.it)

L’episodio è davvero increscioso e triste dal momento che in situazioni di questo tipo si agisce ancora nel rispetto di “ruoli” e doveri, a prescindere dal contesto e dalle esigenze di chi ha dei diritti che devono essere tenuti in considerazione.

Il problema alla base sta nel sistema scolastico che nei confronti di bambini che hanno esigenze particolari perché disabili, non struttura un sistema capace di farvi fronte. Poche ore alle operatrici sanitarie, insegnanti di sostegno che ripiegano su quest’alternativa non avendo una conoscenza approfondita della gestione del bambino disabile.

Sono queste quelle cause che minano una corretta gestione scolastica del bambino.

Il post pubblicato su Facebook dalla mamma del piccolo ha destato molto clamore sul social, tanto da essere rimosso dai moderatori per i toni accesi. Eppure il clamore è più che giustificato.

E’ giusto che ognuno abbia un proprio ruolo in ogni ambito, ma è pur vero che dinanzi a situazioni di questo tipo il gioco di ruolo viene sicuramente meno. Qui a parlare è la dignità e il diritto di un bimbo e non la diversificazione dei ruoli tra insegnanti e operatori.

 

Simona Barra

Simona Barra nasce a San Giorgio a Cremano 22 anni fa. Ha studiato al liceo classico Garibaldi di Napoli e ora frequenta la facoltà di Giurisprudenza presso la Federico II.
Appassionata di cinema, musica, libri e sport ha iniziato quest’anno la collaborazione con il Domenicale News.