L’acqua potabile.

361

di Franco Ortolani

Che vuol dire gestione pubblica dell’acqua potabile?
Che vuol dire “garantiamo l’acqua potabile pubblica alle generazioni future”?
Il cambiamento climatico causa la riduzione delle precipitazioni piovose e conseguentemente diminuisce l’acqua potabile disponibile erogata dai serbatoi idrogeologici naturali.
La natura garantisce che l’acqua piovana si accumuli nei serbatoi idrogeologici dai quali poi fuoriesce alle sorgenti o viene prelevata con pozzi.
Alle sorgenti l’acqua ci viene rifornita gratuitamente dalla natura e così sarà ancora per millenni a meno che le attività umane non causino l’inquinamento degli acquiferi naturali.
Dalle sorgenti o dalle falde sotterranee l’acqua potabile viene trasferita nei centri abitati con tubazioni di grosso diametro che alimentano gli acquedotti comunali i quali poi portano l’acqua nelle nostre case.
Fino alle sorgenti l’acqua potabile è gratuita.
Il trasferimento con gli acquedotti costa per la loro realizzazione e manutenzione, ammodernamento ecc.
Si sa che quando si paga c’è odore di affari!
E qui sorgono i problemi.
Attualmente le reti acquedottistiche disperdono enormi volumi di acqua potabile: si dice dal 40 al 50%.
E ciò avviene e si sa…da anni.
Fino ad ora il problema non è stato degnamente affrontato nè risolto e questo è da folli ricordando che le precipitazioni piovose stanno diminuendo.
L’acqua scarseggia e noi la disperdiamo! E paghiamo, naturalmente.
Si dice che multinazionali abbiano già messo gli artigli sull’affare acqua potabile; naturalmente qualcuno glieli ha fatti mettere!
Disinteressatamente…naturalmente!
Mi sembra che non vada bene!
Le lobby dell’acqua, allora, esistono? Sono ramificate?
La filiera dell’acqua deve essere rivisitata e corretta pensando anche alle generazioni future.
PRIMA DI TUTTO TUTELA E DIFESA DEI SERBATOI NATURALI DALL’INQUINAMENTO. Per cui occorre una legge nazionale.
Poi occorre una gestione tale che garantisca l’acqua potabile a tutti i cittadini, senza intermediari speculatori, attraverso reti acquedottistiche integre e ben e continuamente mantenute compresa la depurazione dell’acqua “scartata” dopo i vari usi.

Franco Ortolani

Ordinario di Geologia, attualmente a riposo, docente del Master in Pianificazione comunale presso l'Università Federico II di Napoli, Associato all'istituto CNR-ISAFOM. Ambiente e uomo, che fa l'uomo sull'ambiente, che fa l'ambiente sull'uomo i settori di interesse.