Io, tu e…i Suppergiù al Cinema Leandi di S.Arpino

Condividi su
Share

I “Suppergiù” sono un trio comico formatosi nel 2012 , composto da Antimo Buonanno, Francesco Morrone e Francesco D’Agostino. L’appena trascorso 2014 li ha visti impegnati in cartellone al Teatro –Scuola Piccolo Eduardo di Caivano con la commedia di Crescenzo Autieri “Sesso in casa Borani” , nel proprio cast giovanissimi di Napoli e Provincia da una sicura prospettiva di spessore. Francesca Iovine, Antonella Pasubio, Flavia Cannavale, insieme ai “Suppergiù” si sono cimentati in questo piccolo spazio dove ogni errore è più tangibile anche ad un pubblico non esperto ma l’esperimento è ben riuscito per le quattro date programmate in “sold-out” la commedia leggera e comica che gioca sugli equivoci e le trasformazioni della vita sessuale di una coppia senza mai essere volgare anzi da renderlo piacevole anche ai più piccoli spettatori.


La stessa commedia sarà in programma per la chiusura di questo inizio 2015 che vede i “Suppergiù” impegnati al Cinema Lendi di Sant’Arpino a partire dal 30 Gennaio prossimo con la partecipazione di Chicco Paglionico da Zelig , il 27 Febbraio con Francesco Paolantoni, sicuramente un guru della comicità partenopea, il 13 Marzo con Mino Abbacuccio e la sua Titì direttamente da Made in Sud, il 27 Marzo con Lino Barbieri, il 10 Aprile con Antonio Fiorillo per poi chiudere il 24 Aprile con la replica della commedia “Sesso Casa Borani” con la partecipazione di tutto il cast. Un’ occasione, dunque, per farsi due risate con tanti ospiti celebri, strappando una prevendita di € 40,00 per aggiudicarsi un posto riservato per tutti gli spettacoli in programma o comunque scegliersi lo spettacolo che si preferisci veramente a costi accessibilissimi. Consigliato esserci!

Il Domenicale News

Il "Domenicale News" fondato e diretto da Pasquale D'Anna nel 2011, nasce dall'idea e dai bisogni di un gruppo di persone che attraverso il giornale e l'Associazione culturale Kasauri, editrice dello stesso, concretizzano la voglia e l'aspirazione di un desiderio di informazione libera, indipendente e generalista. Resta immutata la volontà di rivolgerci ad un pubblico che dalle idee è incuriosito perchè "Il Domenicale" è soprattutto frutto di una idea.