Milan vs Napoli 1-2. Le pagelle di Pasquale Lucchese

Condividi su

Reina: Nessun intervento difficile, ma fa buona guardia quando chiamato in causa. Voto 6.5
Albiol – Tonelli: La difesa soffre, tanti gli errori in impostazione soprattutto dell’ex Empoli che in condominio con Jorginho, regala la rete ai rossoneri. Nelle mischie finali, riescono a limitare gli avanti meneghini. Voto 6- – 5
Hysaj – Strinic: Gara di contenimento, costretti a subire la qualità e l’imprevedibilità degli esterni alti ambrosiani. Voto 6- – 6-
Hamsik: Quantità e poca qualità, prima di lasciare il posto a Zielinsky si concede la migliore giocata, Mertens spreca. Voto 6-
Jorginho: Grave la leggerezza che consente al Milan di riaprire la gara. Voto 5
Allan: Impegno e dedizione, ma pecca in lentezza e tiene troppo la palla. Voto 5.5
Callejon: Torna al gol, poi solito contributo tattico. Voto 6.5
Mertens: Due assist decisivi ma anche tre occasioni sprecate per ammazzare la contesa. Voto 6.5
Insigne: Per distacco il migliore in campo, il gol, una giocata al limite dell’impossibile, e tanta corsa. Voto 7.5
Subentrati:
Diawara: Fa bene quando entra. Voto 6
Zielinsky – Rog: S.V.
Sarri: Il primo tempo è la sintesi perfetta di questo Napoli: gioco armonioso, uomini che si trovano a memoria, ma anche la maledetta incapacità di ‘capire’ la gara. Il Milan sta alzando il baricentro, profondendo il massimo impegno, devi avere il coraggio di  ‘dimenticare’ la tua identità, e limitare il tuo ‘giocare’.
Nella ripresa, soffriamo, un pizzico di fortuna sulla traversa di Pasalic, sprechiamo un paio di occasioni per chiudere la gara, ma con i denti, strappiamo una vittoria tutto sommato meritata.
Arbitro: Dopo tre minuti non vede un fallo in area di Paletta su Mertens. Sventola troppi gialli, a fine primo tempo regala al Milan una punizione dal limite dell’area. Errori sostanzialmente bipartisan. Voto 5
Milan: Dopo anni di buio assoluto, Montella sembra aver acceso una fiammella di speranza, grazie anche ad un’ottima linea verde. Resta ancora lontana dai fasti di qualche lustro fa.

Nato 34 anni fa a Napoli, da sempre residente a Casoria. Laureato in Storia alla Federico II, militante politico, impegnato nel mondo dell'associazionismo e del volontariato. Oltre alla storia, e alla politica, l'altra passione è il calcio, in particolare il Napoli. Il colore preferito è, ovviamente, l'Azzurro!