Napoli vs Empoli – Cuoio & Cannaò

Condividi su

di Simona Cannaò

Non fai in tempo a dimenticare quella strana cosa successa appena tre giorni fa a Udine, che ti ritrovi, a metà settimana, a guardare e commentare di nuovo il Napoli.
Una cosa tipo il mitico MERCOLEDÌ DI COPPA. Solo che la Coppa in questione è la Coppa Italia, altresì detta “Cuppetella” dai fini esperti nel settore.
Dunque, Napoli-Empoli.
LOBBOTTA titolare, Rrahmani atto secondo. Torna KK, giusto per farci ricordare il bel tempo che fu.
Primi cinque minuti e si nota che ANCHE l’Empoli suole fare contropiede.
Abbuò, facile. In questo momento storico, al Napoli potrebbe fare contropiede pure la Sicula Leonzio, con la Primavera però.
Scusate, ma Insigne? Ha fatto ‘o cattivo?
Empoli niente male come squadra, prima in classifica in Serie B.
Ma continuiamo pure a parlarne, intanto Di Lorenzo ha fatto GOOLLLLLLLLLLLLL!!!
Ottima contorsione con assist di Lozano e SBAMMMMM! Capata in rete del n.22.
1-0
A bordo campo, Maksimoviç commenta con Insigne guardandolo come un giardiniere che guarda la minuscola piantina appena seminata.
Ma pure voi, ogni volta che il telecronista nomina Haas, rispondete “Fidanken”???
Minuto 33 e il MAINAGIOIA si palesa in tutta la sua potenza malefica.
Gran tiro di Bajrami, una specie di neomaggiorenne mezzo svizzero e mezzo qualcos’altro, che spiazza Meret e mezza squadra e porta il risultato sull’1-1.
Lozanooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
Gollissimo del messicano che compie un favoloso furto di palla contro Zappella e insacca di abatantuoniana prepUtenza.
2-1 e sto.
Abbuò ja, è finito il primo tempo. Ho auspicato pure un terzo gol prima dell’intervallo ma… Troppa grazia, Sant’Antonio!
SECONDO TEMPO
Va in scena il secondo tempo del colossal “Il giro della capa di Lobotka in 80 giorni”.
Nota di colore, uno dei terzini dell’Empoli si chiama giustamente Terzic. Rischio i cuppetielli appriesso se faccio la battuta “A centrocampo Dionisi schiera Centrocampic e in attacco Attaccantic”???
Al minuto 51 Rrahmani non ha fatto ancora guai.
Dopo 2 minuti, Petagnista a terra in area. Cioè Petagna… Una cabina armadio a terra. Un fatto anomalo e straordinario.
Niente, no. Per l’arbitro Giua è fessaria ‘e cafè (come del resto per gran parte dei fischietti nostrani), il gioco prosegue sciolto e disinvolto.
Insigne dentro per Politano. Elmas che dopo appena 65 minuti si fa vivo difendendo un pallone come uno a dieta difende l’opzione pizza del sabato sera dagli attacchi del nutrizionista.
Napoli palleggia e non solo col pallone.
Tonnare orgiastiche varie in area e sto terzo gol non arriva.
Eh no, arriva invece, ma per l’Empoli.
Doppietta di Bajrami. Due sfaccetti di gol, non c’è che dire.
2-2
Insigne, rint a chitebbive, non ci sta il pubblico in curva! Che cacchio la lanci a fare la palla nella B???
Ah, è entrato Fabian Ruiz? Manco ci abbiamo fatto caso. Dentro pure Zielo.
Lozano tenta il colpaccio verso il secondo palo ma ovviamente annanz ‘a porta non ci sta nessuno.
Sugli sviluppi dell’ennesima tonnara orgiastica, Petagnista la mena in rete e ASSA FA ‘A DIO!
3-1 e prima Petagna Rrahmani l’aveva anche colpita alla testa. Roba da assoluzione immediata e indulgenza plenaria dopo i fatti di Udine.
Quanto manca? Non mi sento per nulla tranquilla, vista la prestazione dei toscani. Brividi di pipì in atto.
Minuto 83 e qualcosa: DACCI OGGI IL NOSTRO PALO QUOTIDIANO.
Autore: Fabian Ruiz.
Mannaggia i contropiedi! Altro che brividi di pipì, chest è angoscia proprio!
Llorente in campo. Una volta la libido era altissima ma mo… Manco la pace dei sensi, proprio la decomposizione di essi.
Quanne cazz fernesceeeeeeee ???
E chi se lo aspettava di giocare contro il Bayern Empoli?
FINITA!
E pure il mio fegato implora pietà.
Mi ritiro per manifesta sfinitudine.
Quarti di finale e flebo.
Ma posso vivere così ???
FNS💙
Il Domenicale News

Il "Domenicale News" fondato e diretto da Pasquale D'Anna nel 2011, nasce dall'idea e dai bisogni di un gruppo di persone che attraverso il giornale e l'Associazione culturale Kasauri, editrice dello stesso, concretizzano la voglia e l'aspirazione di un desiderio di informazione libera, indipendente e generalista. Resta immutata la volontà di rivolgerci ad un pubblico che dalle idee è incuriosito perchè "Il Domenicale" è soprattutto frutto di una idea.