Il Decreto Sicurezza dimentica i fondamenti della Scuola

Condividi su
Share

di Angela Cascella

Per applicazione del ‘Decreto Sicurezza’ del Ministro Salvini, in un Istituto Comprensivo di Torino, due ragazzi armeni sono stati trasferiti dalla propria scuola ‘Nichelino IV ‘in una scuola a Riva di Chieri. Secondo le nuove disposizioni di legge, i migranti devono essere ridistribuiti sulla base di posti resi disponibili mediante bandi prefettizi.

Ciò ha comportato per i due ragazzi – protagonisti della vicenda – un trasferimento insieme alla loro famiglia: hanno dovuto ricominciare ed affrontare nuove integrazioni, sociale e scolastica, in un nuovo contesto abitativo ed in una scuola diversa.

L’indignazione non è solo perché la scuola in questo caso è stata considerata un parcheggio, e per giunta di scarso valore, ma anche perché non si è avuta alcuna considerazione dei sentimenti, della crescita umana e  dell’importante affiatamento tra coetanei.  L’indignazione è anche il considerare gli alunni come dei pacchi postali da collocare in base a varie necessità. Non hanno consentito ai ragazzi di salutare i propri compagni per la necessità di non far perdere loro dei giorni di scuola (nella nuova realtà scolastica scelta per loro).

I giorni di scuola, invece, i due ragazzi li avrebbero ‘recuperati’, ovvero avrebbero tratto giovamento nel permanere ancora qualche giorno nella vecchia scuola,  tra gli abbracci e gli arrivederci ad insegnanti e compagni; perché nulla è più importante, in una scuola, del vivere le emozioni ed i rapporti umani per una buona crescita personale ed uno spirito inclusivo.

Tutti a gestire le vite altrui, senza tutelare l’integrità psicologica ed umana degli altri. Il Decreto Sicurezza, oltre a garantire la sicurezza dei territori italiani, dovrebbe valutare le ricadute concrete del provvedimento in termini sociali e umanitari, soprattutto quando ad essere lese sono la serenità e l’equilibrio dei minori.

Angela Cascella

Interessata alla Letteratura e con una forte passione per la scrittura, Angela si è laureata dapprima in Lettere Moderne e poi in Giornalismo. Non appena ha iniziato a lavorare, a 21 anni, è stata organizzatrice di eventi; poi ha lavorato nei Beni Culturali presso i maggiori musei campani; da 16 anni è Docente di ruolo. Ha sempre inseguito il suo sogno di scrivere. Si è cimentata in racconti, poesie, scritti diaristici, scritti personali; ha collaborato alla stesura di tesi e testi letterari. Ha pubblicato svariate poesie con la casa editrice Pagine. E' stata curatrice letteraria di due libri:” lI lato oscuro dell’Amore”(Storie di Stalking) e “Usi e costumi della Costiera Amalfitana” . Ama il sole ed il mare. Ama il teatro ed il cinema. Ama cantare. Ama viaggiare, anche con la mente. Soprattutto...Ama Amare.