Yemen, quattro anni di guerra e quasi centomila morti: una strage senza fine

Condividi su
Share

di Alessandro D’Orazio

 

Ammonterebbero a quasi 100mila le persone uccise in Yemen nel corso della guerra tra Arabia Saudita e insorti filo-iraniani dal 2015. Lo riferiscono varie organizzazioni internazionali che hanno documentato l’uccisione di 91.600 individui negli ultimi quattro anni di conflitto.

Tutto iniziò quando gli insorti Houthi presero nel lontano 2014 il controllo della capitale Sanaa, cacciando l’allora governo sostenuto da Riad e dagli Stati Uniti. Oltre alle vittime causate dalla diretta esposizione al conflitto, come bombardamenti aerei, artiglieria e scontri armati, andrebbero aggiunte inoltre, anche quelle perite a causa della carestia che affligge da tempo il Paese e che la guerra ha contribuito ad acuire.

Secondo l’Unicef, ogni 2 ore una madre e 6 neonati muoiono in Yemen durante il parto a causa di complicazioni in gravidanza o all’atto di mettere al mondo il nascituro. Tra gli altri dati forniti nel rapporto dell’organizzazione va segnalato che 1 neonato su 37 muore nel primo mese di vita, 1 ragazza adolescente su 15 ha partorito tra i 15 e i 19 anni e 1,1 milioni di donne in gravidanza e che allattano hanno bisogno di cure per la malnutrizione acuta grave.

A ció si aggiunga il fatto che la metà di tutte le strutture sanitarie in Yemen non è operativa a causa della mancanza di personale, di rifornimenti o dell’incapacità di far fronte ai costi. Coloro che ancora garantiscono l’assistenza ospedaliera devono affrontare gravi carenze di medicinali, attrezzature e personale, mettendo peraltro a rischio la propria vita nell’espletamento del servizio.

Si consideri, infine, il dramma vissuto dai bambini nel corso del conflitto: quasi 85mila di essi sono morti di fame o malattia. In conclusione, è ben comprensibile come la pace nel Paese sia ancora una chimera in assenza di soluzioni negoziate ed in grado di far tacere definitivamente le armi.

Alessandro D'Orazio

Classe 1992. Una laurea in Giurisprudenza ed una in Operatore giuridico d’impresa. Nel mezzo l’azione: paracadutista, sommozzatore e pilota d’aerei. Classicista convinto, quanto Cattolico. Appassionato di viaggi, lettura e scrittura. Un’esistenza volta alla costante ricerca delle tre idee che reggono il mondo: il Bene, la Giustizia e la Bellezza. Senza mai perdere di vista la base di ogni cosa: l’Umanità. Se fosse nato sostantivo, sarebbe stato il greco aretè e cioè, la disposizione d’animo di una persona nell’assolvere bene il proprio compito. La frase che lo descrive: “Darsi una forma, creare in se stessi un ordine e una dirittura”. Il tutto allietato da un bel dipinto di Giovanni da Fiesole.