Ciro Pellecchia della Pizzeria & Ristorante Antico Borgo ai Vergini a sostegno della Casa dei Cristallini con una pizza di beneficenza

Condividi su
Share

di Maura Messina

Ciro Pellecchia, per molti conosciuto come Sumo Napoletano, durante la pandemia si è distinto per essersi preso cura del quartiere, aiutando chi si trovava in difficoltà. Con l’#sospizza ha raggiunto molti concittadini distribuendo gratuitamente impasti per pizza e pizze già pronte per essere gustate.

Adesso che ci si può incontrare nella sua Pizzeria & Ristorante Antico Borgo ai Vergini, Ciro ha sentito la necessità di continuare il suo impegno con la solidarietà.

Vi aspettiamo nella Pizzeria & Ristorante Antico Borgo ai Vergini, in via Mario Pagano n°7, nel cuore di Napoli, martedì 29 settembre a partire dalle ore 19:00, per una serata all’insegna dell’amicizia, della solidarietà e dell’immancabile gusto tradizionale delle fritture e della pizza napoletana.

Con un gettone di presenza di soli 10 euro a persona, potrete gustare fritture napoletane come antipasto e a scelta 1 pizza margherita o 1 marinara accompagnate da una bibita (acqua, coca cola o birra).  

L’incasso sarà devoluto a “La Casa dei Cristallini”, centro socio-educativo del Rione Sanità. “La Casa dei Cristallini” è un vero e proprio punto di riferimento per i bambini, i ragazzi e le mamme del quartiere. In questo luogo d’amore si studia, si gioca, si cresce e ci si confronta.

Non poteva esserci connubio perfetto tra queste due realtà che amano Napoli, incondizionatamente.

Per info e prenotazioni:

081 1875 75 01

Link all’evento:

https://www.facebook.com/events/711555386445193 

Segui i canali social:

https://www.facebook.com/anticoborgoaivergini

https://www.instagram.com/anticoborgoaivergini/?hl=it

https://www.facebook.com/lacasadeicristallini/

Maura Messina

Maura Messina, art-designer napoletana, classe 1985. Da sempre sensibile alle tematiche ambientali, in particolare al dramma della terra dei fuochi. Dal 2014 collabora con varie testate giornalistiche. Autrice del libro illustrato autobiografico “Diario di una kemionauta” e del romanzo distopico “4891 la speranza del viaggio”, editi da Homo Scrivens. Ha partecipato a numerose mostre d’arte come pittrice. Il suo motto è: per cambiare il mondo basta napoletanizzarlo.