Just panaro, la solidarietà in Campania ai tempi del Coronavirus

Condividi su
Share

a cura di Maura Messina

Ogni giorno arrivano aggiornamenti sui decreti restrittivi, messi in atto dagli organismi governativi, per limitare il contagio da coronavirus. In un momento come questo le fasce più deboli della società, come gli anziani o i malati, si ritrovano ancora più di prima in difficoltà. Alcuni giovani cittadini si sono posti il problema di come poter esser utili al prossimo ed è così che stanno nascendo iniziative gratuite per aiutare chi sente più forte il peso del disagio in questo delicato momento storico che non conosce uguali nella storia dell’umanità.

Abbiamo intervistato Davide Dioguardi, attivista di Insurgencia (noto centro sociale napoletano), per raccontare la nobile iniziativa “Just Panaro”.

 

In un momento di crisi inaspettata come quello che stiamo vivendo, iniziative come la vostra offrono un barlume di speranza sulla ritrovata umanità. Com’è nata l’idea e chi ha aderito?

L’idea è nata non appena sono stati emanati i primi decreti che in buona sostanza imponevano alle persone di rimanere a casa, salvo spostamenti necessari. Ci siamo chiesti che potessimo fare come attivisti e attiviste in un momento del genere ed è venuto fuori Just Panaro. Abbiamo messo a disposizione tutti i numeri di telefono che potevamo, cercando di dividerci per zone della città.

Chi sono le persone che hanno messo a disposizione il proprio numero di telefono?

 

Si tratta di attiviste e attivisti che hanno deciso di dare il loro contributo anche in un momento come questo. Stare a casa 24 ore su 24 non è affatto semplice, soprattutto per chi è un soggetto “più a rischio”. Mettersi a disposizione per fare la spesa e portare medicinali a chi ha bisogno è un piccolo contributo per non perdere la nostra umanità anche in momenti così bui per tutte e tutti.

Chi vuole aderire a Just Panaro come può fare per mettersi in contatto con voi?

Basta contattare uno dei numeri di telefono che abbiamo allegato alla grafica pubblicata sui nostri canali social, oppure contattare la pagina ‘Insurgencia’ su Facebook (https://www.facebook.com/Insurgencia-101878501346258/).

 

Sai dirci di altre iniziative simili?

Tutte le realtà autorganizzate della città hanno messo in piedi iniziative simili sul territorio cittadino e regionale. Agire da soggetti attivi della società, praticare solidarietà dal basso e mettersi a disposizione della comunità anche e soprattutto in momenti di grande crisi come questi, è qualcosa di assolutamente fondamentale.

La chiacchierata con Davide è stata come una carezza, seppur a distanza, per l’anima. Nella drammaticità dell’emergenza dettata dal coronavirus iniziative sociali come quella di Just Panaro, o le altre simili che stanno animando nelle ultime ore i vari centri sociali e le associazioni territoriali, sono la testimonianza che l’umanità non è morta. Il senso civico che anima questi giovanissimi cittadini sono il segno tangibile che gli ultimi non sono stati dimenticati e che in situazioni d’emergenza non vale la regola del “si salvi chi può”. Dopo i terribili mesi, antecedenti la pandemia, caratterizzati dalla politica dell’odio e dal disprezzo per la vita umana di chi veniva considerato diverso e lontano da noi, Just Panaro ci ricorda che un altro mondo è possibile. Un mondo dove chi è più fortunato sente il dovere morale e civile di prendersi cura dell’altro, di porsi le domande che ogni essere umano dovrebbe farsi: chi sta peggio di me come fa? Come posso aiutarlo?

Finalmente sembra finito il tempo in cui si relegavano all’esterno le risposte a queste domande. Queste sono le anime belle delle nostre città, questa è l’umanità di cui vogliamo far parte.

 

LA SOLIDARIETÀ NON VA IN QUARANTENA

 

Hai bisogno di supporto per ritirare spesa o medicinali in Campania? Contatta questi numeri!

 

Volete contribuire anche voi nel supportare queste iniziative o conoscete altri volontari che si sono dati disponibili? Quelli di seguito sono solo alcuni di quelli che girano in rete ma siamo sicuri che ce ne siano tanti altri. Segnatelateci in privato il numero di telefono e la zona di riferimento così vi aggiungeremo alla lista.

 

🔴 NAPOLI

Sanità (Vergini/Miracoli) – 333 210 6131

Sanità (Vergini/Miracoli) – 339 691 7133

Quartieri Spagnoli (Montesanto) – 389 941 9298

Piazza Carlo III (Corallo) – 333 471 9889

Museo (Stella) 331 735 1302

Vomero/Arenella – 345 902 8895

Vomero/Arenella – 338 411 0162

Capodimonte (Porta Piccola/Rione Lieti) – 347 003 8344

Capodimonte (Porta grande) – 388 806 4655

Capodimonte – 328 832 7651

Colli Aminei – 347 003 8344

Chiaiano – 388 971 0844

Marianella – 388 971 0844

Piscinola – 388 971 0844

Scampia – 388 971 0844

 

⚪ NAPOLI – AREA NORD

Giugliano – 324 047 3690

Marano (San Rocco) – 333 920 2182

Marano (San Marco) – 333 244 2829

Marano (Corso Europa/Via Vallesana) – 320 263 2455

Marano (via Lazio) – 333 507 5337

Marano (via Padreterno) – 328 907 7908

Mugnano (Mugnano 2000) – 339 629 6351

Mugnano – 081 571 0300

Arzano – 333 465 8642

 

🔵 NAPOLI – AREA FLEGREA

Bagnoli – 320 089 6765

Cavalleggeri – 333 849 0774

Fuorigrotta – 347 038 1845

Fuorigrotta (Loggetta) – 392 186 2741

Pozzuoli – 331 314 0699

 

🔶 CASERTA

Caserta – 379 191 8190

Caserta – 379 191 7999

 

Si ringraziano: Insurgencia, Mezzocannone Occupato, Casa del Popolo Marano, Ex OPG Occupato – Je so’ pazzo, Laboratorio Politico Iskra, Comune di Mugnano di Napoli, Oltre – Movimento Culturale, TDB Italia, Coordinamento ESI, Protezione Civile, Caserta solidale

🌐 SEGUICI SU FACEBOOK

AntiVirus

 

🌐 SEGUICI SU INSTAGRAM

instagram.com/antivirusitalia

 

🌐 ISCRIVITI AL NOSTRO GRUPPO

https://www.facebook.com/groups/210425500072664/

Maura Messina

Maura Messina, art-designer napoletana, classe 1985. Da sempre sensibile alle tematiche ambientali, in particolare al dramma della terra dei fuochi. Dal 2014 collabora con varie testate giornalistiche. Autrice del libro illustrato autobiografico “Diario di una kemionauta” e del romanzo distopico “4891 la speranza del viaggio”, editi da Homo Scrivens. Ha partecipato a numerose mostre d’arte come pittrice. Il suo motto è: per cambiare il mondo basta napoletanizzarlo.