Restrizioni liberticide in materia di Covid19. E intanto, stamattina tantissimi giovani all’esterno del Cotugno per effettuare il tampone

Condividi su
Share

L’ultima ordinanza del presidente De Luca sui rientri dall’estero presenta una serie di criticità sul piano giuridico. Innanzitutto, stabilisce una clamorosa diseguaglianza tra residenti (a cui si applica) e turisti (a cui non si applica) sulla base di considerazioni che non hanno alcun pregio scientifico.

Eppure gli uni e gli altri sono seduti accanto in aereo, sono insieme al check-in, agli imbarchi, nelle navette, al ritiro bagagli. I primi devono autoisolarsi in attesa del tampone. Anche se devono lavorare o se sono andati all’estero non per “le vacanze”, e comunque senza violare alcuna legge.

Gli altri possono circolare liberamente. Solo questo basterebbe a evidenziare l’illogicità, la contraddittorietà e la sostanziale ingiustizia di tale provvedimento. La Costituzione stabilisce l’eguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge. Evidentemente, questa legge fondamentale dello Stato non trova applicazione in Campania.

Inoltre, esiste un’ordinanza del ministero della salute che stabilisce tutt’altra regolamentazione (test e controlli per chi ritorna da Grecia, Spagna, Croazia e Malta).

Nessuna quarantena indiscriminata perché il governo vuole evitare crisi diplomatiche con i paesi dell’area Schengen e perché qualsiasi decisione del genere va presa di concerto con gli altri partner europei. Invece, la Campania sospende anche Schengen ma, come detto, solo per i campani che forse sono meno europei degli altri. Come l’ordinanza deluchiana, dunque, si concili con il diritto nazionale e comunitario resta un enigma indecifrabile.

Resta anche il dubbio su quali siano i limiti della decretazione regionale, soprattutto quando norme ispirate da ragioni sanitarie incidono su diritti costituzionali delle persone, in particolare sulla libertà di circolazione e perfino su quella personale (artt. 13 e 16). Il timore è che, a causa del covid, si sia innescato un regionalismo incontrollato che incide sulla stessa unità statale, almeno a livello normativo.

Sorvolo sulle ragioni politiche e di consenso immediato che ispirano certe decisioni. Resta il disappunto e lo sconcerto per queste restrizioni liberticide che stanno stressando la popolazione, distruggendo l’economia (i dati della Campania sono drammatici) e non hanno nessun impatto sul piano sanitario ma generano solo ansia e caos, come ampiamente documentato da gran parte della stampa.

Gianluca Spera

Gianluca Spera, classe 1978. Di professione avvocato da cui trae infinita ispirazione. Scrittore per vocazione e istinto di conservazione. I suoi racconti “Nella tana del topo” e “L’ultima notte dell’anno” sono stati premiati nell’ambito del concorso “Arianna Ziccardi”. Il racconto “Nel ventre del potere” è stato pubblicato all’interno dell’antologia noir “Rosso perfetto-nero perfetto” (edita da Ippiter Edizioni). Autore del romanzo "Delitto di una notte di mezza estate" (Ad est dell'equatore)" Napoletano per affinità, elezione e adozione. Crede che le parole siano l’ultimo baluardo a difesa della libertà e dei diritti. «L'italiano non è l'italiano: è il ragionare», insegnava Sciascia. E’ giunta l’ora di recuperare linguaggio e ingegno. Prima di cadere nel fondo del pozzo dove non c’è più la verità ma solo la definitiva sottomissione alla tirannia della frivolezza.